Cosa può insegnarti il gioco degli scacchi?
Cosa può insegnarti il gioco degli scacchi?

 

Cosa può insegnare il gioco degli scacchi al teatro?

Ascolta questa storia, te lo dico tra un momento.

20 Novembre 1927

Caro sig. Alekhine, mi ritiro dalla partita. 
Lei quindi è il campione del mondo e mi congratulo per  il suo successo.

I miei saluti alla signora Alekhine.

Cordialmente,
Jose’ Raul Capablanca

Con questa breve lettera, Jose’ Raul Capablanca annuncio’ che accettava la sconfitta nella partita 34 del torneo di Buenos Aires.

Il russo Alexander Alekhine era il nuovo campione mondiale di scacchi: aveva battuto Jose’ Capablanca, il genio.

Il campione cubano che giocava in modo naturale, senza sforzo, senza studio.

Di lui, Emanuel Lasker, altro grande maestro, disse:

“Ho conosciuto molti giocatori di scacchi, ma solo un genio degli scacchi: Capablanca”

Capablanca aveva sempre battuto Alekhine in tutti i tornei in cui si erano scontrati.

Infatti, quasi nessuno pensava che il russo potesse farcela contro il cubano.

Ma Alekhine aveva lavorato per 5 anni per potersi sedere di fronte a Capablanca.

Aveva studiato il suo avversario aveva trovato lo sponsor, non si era arreso davanti a mille avversità.

Alekhine vinse per 6-3 e fu l’unico campione  a morire come campione del mondo difendendo 4 volte il titolo.
E da qui iniziò la tradizione dei campioni di scacchi russi.

Capablanca non fu mai più campione del mondo e morì di emorragia cerebrale 15 anni dopo.

Perché ti ho raccontato questa storia?

Perché rappresenta molto bene cosa succede quando il talento compete contro la preparazione e il metodo.

Capablanca era un enorme talento naturale.

Alekhine era un grande scacchista, ma per battere Capablanca si preparò e lavorò duramente.

Capablanca, puntando solo sul suo talento, fu sconfitto. E non raggiunse mai più i risultati che aveva ottenuto nel passato.

L’insospettabile ostacolo per raggiungere risultati: il talento.

Quando entri nella mia Accademia ti insegno proprio questo: IL TALENTO SENZA TECNICA È SOLO TALENTO SPRECATO. 

E c’è proprio una bella scritta sulla parte di entrata nella Sala Recitazione:

talento-vs-tecnica

Il talento è quando fai qualcosa che ti riesce facile, naturale, senza sforzo.

Magari raggiungi anche dei buoni risultati, e questo non fa che peggiorare le cose.

Perché?

Perché se fai le cose in maniera naturale, facile, senza sforzo, quando incontri chi si è allenato duramente, combattendo contro la sua genetica, sei spacciato.

Quindi chiediti: questi sono gli unici risultati che puoi ottenere?

Oppure sono solo una piccola parte dei risultati, quella che il tuo talento ti permette di raggiungere… appunto senza sforzo?

Per molte persone talentuose è proprio cosi.

 

Però il talento si ferma quando incontra la tenacia, la determinazione, il lavoro costante.

E noi faremo emergere il talento che hai in te e lo sublimeremo con la tecnica da Professionista.

Vienici a trovare e approfitta del buono sconto!

P.S.: Condividi l’articolo!

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *